Cinghiale alla cacciatora


Il Cinghiale alla Cacciatora è davvero un piatto  classico per chi ama la cacciagione. Di questi tempi tra l’altro reperire la selvaggina è diventato davvero molto semplice perché anche in alcuni grande ipermercati possiamo trovarla di ottima qualità.

cinghiale alla cacciatora

Pensando al Cinghiale e avendolo in mente come un grosso animale dalla pelle dura molti si immaginano appunto qualcosa dalle carni dure e stoppose… se ben preparato invece vi ricrederete! Vediamo la ricetta per 4 persone.

Ingredienti:

500g  di cinghiale in bocconi

1 cipolla e mezza ( io  preferisco sempre la rossa)

1 costa di sedano

2 carote

Olio e.v.o.

mezzo litro di vino rosso

2 spicchi d’ aglio

4 cucchiai di concentrato di pomodoro

sale q.b.

peperoncino

mezzo bicchiere d’acqua

Preparazione:

Iniziamo col tagliare a pezzi grossi cipolla sedano e carote e farle rosolare, farle raffreddare e metterle a marinare con il cinghiale ed il vino rosso per almeno 12 ore.
Il luogo ideale è il frigorifero e se coperto con pellicola trasparente manterrete all’interno tutti i profumi. Trascorse le 12 ore i bocconcini di cinghiale andranno fatti asciugare in una padella antiaderente,quindi senza olio e senza nulla andranno messi qualche minuto sul fuoco fino a che non avranno perso il liquido. A parte faremo rosolare in una grossa padella l’altra mezza cipolla, l’aglio e ed il peperoncino in un filo d’olio, aggiungeremo poi il concentrato di pomodoro ed il mezzo bicchiere d’acqua lasciando andare il tutto a fuoco medio.
Dopo una quindicina di minuti potremo aggiungervi bocconcini di cinghiale seguiti la marinata; aggiusteremo di sale e cuoceremo a fuoco medio e con coperchio per circa due ore il nostro piatto.

Sicuramente è un piatto da vino rosso e si accompagna bene a diversi contorni come saute di funghi ( se vi trovate in toscana assolutamente porcini) , polenta o patate al forno.


Like it? Share with your friends!

Comments 0

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

More From: Secondi caldi

DON'T MISS