Strozzapreti, come prepararli in 2 modi diversi


Gli strozzapreti sono un formato di pasta molto particolare, conosciuti in tutta Italia e adatti a qualsiasi tipo di condimento. Oggi voglio farvi vedere 2 modi diversi per prepararli e soprattutto le tante varianti di salse e sughetti per condirli. Non ci vorrà tantissimo tempo per realizzarli e sarà una vera soddisfazione quando a tavola tutti apprezzeranno il vostro piatto.

Io ho imparato a preparare la pasta fatta in casa osservando le mie due nonne: sin da piccola cercavo di impastare e creare qualcosa a mia volta. Ora che sono cresciuta porto avanti questa tradizione di famiglia ampliando le mie conoscenze e abilità. A parer mio è importante far collaborare i piccoli di casa per farli avvicinare alla cucina, a sapori freschi e a prodotti della nostra terra.

strozzapreti

Come preparare gli strozzapreti:

Mescolare in una ciotola la farina con il sale,

farina e sale

aggiungere poi poca acqua alla volta fino ad ottenere un composto appiccicoso.

aggiunta acqua

Rovesciare il tutto su una spianatoia infarinata e man mano aggiungere poca farina alla volta, sempre impastando con le mani fino ad ottenere un panetto liscio ed elastico.

pasta per strozzapreti

Spezzare una piccola quantità di impasto, creare un salsicciotto con le mani e tagliare dei cubettini lunghi circa 5 cm. A questo punto si può procedere in 2 modi: poggiare 3 dita (indice, medio e anulare) sul cubetto di pasta e trascinarlo sulla spianatoia premendo su di esso fino ad allungarlo. Oppure poggiare un ferretto sul cubetto di pasta

preparazione strozzapreti

allungarlo con le mani, sfilarlo delicatamente e poggiarlo su un vassoio abbondantemente infarinato.

ferro per strozzapreti

Far asciugare un’oretta prima di cuocere gli strozzapreti.

Ingredienti:

  • 500 g di farina di semola
  • 1 pizzico di sale fino
  • q.b. acqua fredda

Consigli e suggerimenti

E’ possibile conservare gli strozzapreti in freezer: vi basterà disporli su una teglia ben distanziati tra loro, congelarli per circa 3 ore e poi conservarli in un sacchetto per alimenti ben chiuso. In questo modo li conserverete fino a 5 mesi e saranno sempre a vostra disposizione. Per cuocerli non sarà necessario aspettare di scongelarli, vi basterà buttarli in acqua bollente e cuocerli per qualche minuto.

Si prestano benissimo a qualsiasi condimento: scegliete quello che più gradite.


Like it? Share with your friends!

Comments 0

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

More From: Primi Piatti

DON'T MISS