Pasta colorata di semola, buone e anche belle!


La pasta piace a tutti e questo si sa! Ma a volte è così.. come dire.. palliduccia! E allora coloriamola no?! Battute a parte, era un po’ che volevo fare la pasta colorata. Certo non è una novità.. le tagliatelle paglia e fieno o le lasagne verdi esistono da tempo ma volevo qualcosa di più frizzante, di più fashion!

Ma d’altra parte non mi andava di usare coloranti artificiali. Quindi mi sono buttata sulla barbabietola così fuxia che quasi sembra finta e sulla curcuma per dare un tocco di giallo.

pasta colorata

Come preparare la pasta colorata

Preparare la pasta in casa è in realtà un’operazione piuttosto semplice. In questo caso però prima di impastare sarà necessario estrarre il succo dalla barbabietola.

pasta colorata

Per questa operazione mi sono servita di un estrattore nel quale basta inserire la barbabietola precotta per ricavare il prezioso succo colorato. In mancanza dell’estrattore un comunissimo frullatore andrà più che bene, dovremo solo avere l’accortezza di filtrare con un colino la polpa della barbabietola frullata per ricavarne poi il succo.

A questo punto non ci resta che sporcarci le mani. Beh, io in realtà ho fatto la furbetta e mi sono affidata alla tecnologia!

Versiamo quindi la semola di grano duro e il sale nella ciotola della planetaria munita di gancio (o in alternativa su una spianatoia se avete intenzione di impastare a mano), azioniamo la macchina e versiamo a filo il succo di barbabietola e l’acqua un po’ alla volta.

pasta colorata

Attenzione perché potrebbe essere necessario non inserire tutta l’acqua prevista! Questo perché ogni farina ha una diversa capacità di assorbimento dei liquidi. Dovremo lavorare la pasta fino ad ottenere un impasto piuttosto sostenuto, omogeneo, liscio e non appiccicoso. Se necessario possiamo terminare l’impasto a mano, fino a formare una palla che avvolgeremo nella pellicola per alimenti e lasceremo riposare in frigorifero per circa mezz’ora.

pasta colorata

Procediamo allo stesso modo per la pasta gialla avendo cura di sciogliere la curcuma nell’acqua prima di aggiungerla alla farina.

pasta colorata

Trascorsa la mezz’ora di riposo, prendiamo la pasta rosa, dividiamola in 4 o più parti e con l’aiuto di una macchina per la pasta tiriamola cominciando dallo spessore più grande fino ad arrivare gradualmente allo spessore desiderato. Mentre tiriamo un pezzetto di pasta, ricordiamoci di coprire la restante pasta con la pellicola alimentare in modo da impedire che si secchi all’aria.

pasta colorata

Dopo aver tirato due sfoglie rosa, passiamo alla pasta gialla effettuando la stessa lavorazione ma finendo col formare degli spaghettini con l’apposito rullo.

pasta colorata

Posizioniamo gli spaghettini ottenuti come più ci piace sopra alla sfoglia rosa, schiacciamo leggermente con il mattarello per far aderire i filini gialli e ripassiamo nella macchina per la pasta impostando l’ultimo spessore utilizzato. In questo modo i fili di pasta gialla diventeranno un tutt’uno con quella rosa e andranno a creare una simpatica decorazione. Ripetiamo il procedimento fino ad esaurimento della pasta.

pasta colorata

Una volta stesa e decorata tutta la pasta, con l’aiuto dell’apposita rotella tagliapasta ondulata tagliamo la sfoglia in rettangoli di circa 5×3 cm.

pasta colorata

Per finire andiamo a pizzicare nel centro ogni singolo triangolino per ottenere così le nostre farfalle di semola colorate. Disponiamo le farfalle su un vassoio ricoperto di carta da cucina leggermente spolverata di semola e lasciamo asciugare in un luogo fresco e asciutto per minimo un’ora.

pasta colorata

A questo punto le nostre farfalle di semola sono pronte per spiccare il volo, essere cotte in abbondante acqua salata e gustate con il sugo che più ci piace!

Ingredienti:

  • 250 g semola rimacinata di grano duro
  • 70 g di acqua
  • 60 g di succo di barbabietola (ricavato da una barbabietola precotta di medie dimensioni)
  • 3,5 g di sale

pasta colorata

  • 50g semola rimacinata di grano duro
  • 25g di acqua
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1 pizzico di sale

pasta colorata

Consigli e suggerimenti:

Oltre alle farfalle è possibile realizzare altre forme di pasta: tagliatelle, pappardelle, tagliolini, maltagliati. Per questi tagli potete utilizzare i diversi rulli della pasta per la macchina ma, in mancanza, potete con un po’ di pazienza realizzarli con l’aiuto di un coltello ben affilato.

Potete realizzare questa pasta in quantità e poi congelarla una volta ben asciutta. In questo caso aspettate mezza giornata prima di riporla in freezer ben chiusa all’interno degli appositi sacchettini in plastica.

Per evitare che le farfalle si attacchino tra loro durante la cottura (questo può avvenire se non sono ben asciutte o se la pentola è un po’ piccola), sarà sufficiente versare un paio di cucchiai d’olio d’oliva nell’acqua che bolle.


Like it? Share with your friends!

Daniela Loffredo
Mi chiamo Daniela, laureata in Comunicazione nelle imprese e nelle organizzazioni internazionali e aspirante pasticciera per passione! Sin da bambina la cucina ha destato in me interesse e curiosità ma i dolci, in particolare, sono sempre stati i miei preferiti! Da qualche anno condivido questa grande passione con il mio compagno di vita, insieme al quale passo il tempo libero ad impastare, sperimentare, studiare e anche visitare le pasticcerie più rinomate dei luoghi che visitiamo. Nell’ultimo anno ho scelto di abbracciare la scelta vegetariana e questo è ovviamente diventato un nuovo stimolo anche in cucina! Il mio sogno nel cassetto?! Indossare la giacca bianca da pasticciera tutti i giorni non mi dispiacerebbe affatto!

Comments 0

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

More From: Primi Piatti

DON'T MISS