Brunch: breakfast+lunch per essere trendy a tavola


Il Brunch è l’ultima moda arrivata dai paesi Anglosassoni. Vediamo cos’è e quali ricette è possibile servire.

Abbiamo già visto come una colazione sana è fondamentale per iniziare al meglio la giornata. Tuttavia, soprattutto in Italia, la colazione è spesso, forse troppo, un caffè o un cappuccino con la brioche. Travolti dai ritmi frenetici, spesso ci dimentichiamo come questo pasto sia fondamentale per assumere tutte le energie necessarie ad arrivare a fine giornata o al pranzo.

Il brunch si propone come via di mezzo tra la colazione e il pranzo, breakfast e lunch appunto. Come si può facilmente intuire dal termine, questa usanza trova origine nei paesi anglosassoni. E’ in particolare negli hotel delle grandi metropoli che c’è l’usanza di servire un pasto dalle 10 alle 16 che racchiuda svariate preparazioni dolci e salate. Queste variano in base agli stati: se in Francia non possono mancare croissant e pain au chocolat, in Messico troveremo tortillas. E in Italia?

In Italia, come in tutta l’Europa continentale, questa usanza sta lentamente prendendo piede negli ultimi tempi e non ha una fisionomia ben definita: salumi, formaggi e torte dolci o salate, vengono servite con vini leggeri, succhi di frutta o bevande calde.

Se sulle nostre tavole il brunch trova raramente spazio (noi siamo abituati ad un sostanzioso pasto domenicale, qualsiasi sia l’ora in cui ci siamo alzati), negli hotel è già usanza diffusa. Per rendere l’idea, possiamo dire che il brunch è molto simile ad una colazione continentale.

Insomma, è la soluzione per i tiratardi troppo affamati per una colazione leggera e impazienti di attendere il pranzo. Attenzione però. Antony Bourdain nel suo libro Kitchen Confidential rivela come il brunch sia un modo che le cucine utilizzano per riciclare gli avanzi della settimana. Fate ciò che volete ora di questa informazione.

Chiaramente anche i nostri amici anglosassoni non hanno tutti i giorni il tempo di pasteggiare ininterrottamente con pietanze dolci e salate. Ecco che il brunch assume quindi il nome di Sunday brunch, brunch della domenica.

Brunch: ricette per tutti i gusti

Desiderate organizzare un brunch ma non sapete da dove iniziare? Oppure siete stati invitati e non sapete cosa aspettarvi? Ecco le ricette per il brunch.

Tra le preparazioni classiche, solitamente reperibili anche in una colazione, ci sono i pancake: siano essi dolci o salati, queste torrette di frittatine inondate di sciroppo d’acero sono un vero must. E per organizzarvi in anticipo ecco il preparato per pancake in bottiglia.

Anche le uova ricoprono una posizione fondamentale. Siano esse strapazzate o sode, servite con il bacon o senza, non possono proprio mancare. Ovviamente accompagnate da salse come ketchup e maionese.

Sempre rimanendo nel salato, preparare un club sandwich vi farà fare una bellissima figura: a chi non piacciono i tramezzini farciti con ogni ben di dio? Ottimi per l’occasione anche i vati tipi di danubio salato perché non con farciture diverse.

Non dimenticate poi affettati vari e formaggi, magari serviti con marmellate e grissini.

Passando al dolce, trovano ampio spazio muffin, torte e brioche: non solo le classiche ma anche croissant o versioni più ricche come le nastrine. Ottimo anche un danubio dolce.

Tra le bibite non possono mancare te, caffè, latte e spremute varie.

Insomma, tutto ciò che di più sfizioso vi viene in mente lo potete trovare in un comune brunch. Certo, non è fatto per quelli attenti alla linea ma si vive una volta sola e questo pasto a buffet merita di essere vissuto.


Like it? Share with your friends!

Beatrice Piselli
Ciao! Mi chiamo Beatrice e scrivo prevalentemente di cucina vegetariana e vegana prestando particolare attenzione alla stagionalità degli ingredienti. Trascorro molto tempo in cucina a studiare nuovi piatti e a fotografarli, così da poter trasmettere nel migliore dei modi tutto il mio amore per ciò che cucino.

Comments 0

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

More From: Blog

DON'T MISS