Bagna caoda, una saporita salsa piemontese


In Piemonte siamo pieni di intingoli e salse. Ci piace proprio avere la scusa di arricchire alimenti semplici, con qualche salsa goduriosa e saporita come la bagna caoda, che è certamente il simbolo della gastronomia di questa regione.

È una salsa a base di aglio, acciughe ed olio extravergine, che viene comunemente servita come portata unica, o talvolta come antipasto. Questa salsa, come dice già il nome, va servita calda. Per questo si utilizzano i fojot, recipienti in terracotta tenuti caldi da un fornelletto, oppure apposite ciotoline di terracotta, distribuite singolarmente ad ogni commensale, e tenute a temperatura da un cero acceso sotto. Più che un piatto diventa un rito conviviale da consumare rigorosamente in compagnia, che ricorda un po’ la pratica del pinzimonio, in questo caso tipico della stagione fredda.

La bagna caoda serve come condimento per verdure di stagione, suddivise in cotte e crude. In particolare la tradizione richiede i cardi (preferibilmente quelli gobbi di Nizza), peperoni crudi e peperoni arrostiti, topinambur, cavoli bianchi, rossi e verdi, cipollotti, cavolfiori lessi, indivia, scarola. E queste sono solo alcune delle nostre verdure preferite, da intingere nella salsa come se fossero un cucchiaio.

L’ingrediente base come ho accennato è l’aglio. Pianta erbacea della famiglia delle cipolle, l’aglio è un alimento molto utilizzato in cucina, prezioso per insaporire numerose ricette, ma non sempre apprezzato da tutti. Oltre ad avere diverse proprietà benefiche sul nostro organismo (antibatterico, abbassa la pressione sanguigna ed il colesterolo), ha però il difetto di essere difficile da digerire e di causare spesso alito cattivo. Ecco perché preferisco preparare la versione della bagna caoda che prevede aggiunta del latte, per smorzare il sapore dell’aglio, e rendere la salsa più delicata e cremosa. In alternativa si può usare anche la panna.

La preparazione sembra semplice, ma ci sono alcuni accorgimenti da osservare. Dovremo far sciogliere le acciughe, e far ammorbidire l’aglio, in una pentola a parte con il latte, a fuoco lento, per evitare che l’aglio diventi scuro. Andremo poi ad aggiungere le acciughe alla crema di aglio, unendo l’olio, e lasciando cuocere fino ad avere una salsa omogenea. Esistono diverse versioni di questa ricetta, così come per quanto riguarda le dosi di acciughe e aglio. Visto che si tratta di ingredienti tosti, io consiglio di dosarli

bagna caoda

Come preparare la bgna caoda

Facciamo sciogliere le acciughe con il burro, a fuoco lento.

sciogliere acciughe

Mettiamo gli spicchi d’aglio, privati dell’anima, e ridotti in fettine, a cuocere a fuoco basso in un tegame, con il latte. Lasciamo cuocere per mezz’ora, mescolando di tanto in tanto.

aglio nel latte

Aggiungiamo le acciughe sciolte, e lasciar cuocere per altri 20 minuti. L’aglio deve sciogliersi fino a formare una crema omogenea bianca.

aggiunta acciughe

Aggiungiamo poi tutto l’olio, e lasciamo amalgamare per qualche minuto.

Possiamo servire la nostra bagna caoda in ciotoline con verdure crude, oppure servirla come condimento su peperoni arrostiti o uova sode.

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 teste di aglio
  • ½ litro di latte
  • 60 gr burro
  • 300 gr di acciughe
  • 1 bicchiere di olio di oliva extravergine

Curiosità:

Con l’ultimo cucchiaio di bagna caoda che rimane nel tegamino di coccio, possiamo strapazzare delle uova fresche.

Abbiniamo questo piatto con un vino rosso fermo, corposo e robusto come il Barbera.


Like it? Share with your friends!

391

Comments 0

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More From: Antipasti

DON'T MISS